SCIENZE MOTORIE È CAMPIONE DEL FUTSAL AI CDF WINTER CUP!

CDF Winter Cup - L’edizione 2022 della versione invernale dei Campionati di Facoltà di calcio a 5 è stata vinta da Scienze Motorie.

La facoltà di Scienze Motorie vince i CDF Winter Cup, il torneo di calcio a 5 interfacoltà del CUS Statale alla sua terza edizione. L’evento, tenutosi il data 26 novembre al Crespi Sport Village, ha visto le squadre delle 10 facoltà scontrarsi per ben nove ore ininterrotte di gioco. I CDF Winter Cup si sono divisi in due gironi da cinque squadre, con quattro posti disponibili a girone per la successiva fase ad eliminazione diretta.

Nel girone A, in campo dalle 11:00 alle 14:00 si sono affrontate le facoltà di Scienze e Tecnologie, Studi Umanistici, Scienze del Farmaco, Giurisprudenza e Mediazione Linguistica. La facoltà di Scienze e Tecnologie vince agilmente il girone con 4 vittorie su 4, battendo per 6-2 la formazione di Studi Umanistici, per 2-1 la facoltà di Scienze del Farmaco, per 3-1 la formazione di Mediazione Linguistica e per 3-0 la facoltà di Giurisprudenza. Decisive per il primato le prestazioni di Federico Brambilla, stella della facoltà di Scienze e Tecnologie nonché autore di diverse reti decisive. Altrettanto vale per l’importante apporto degli ottimi Marco Fornaciari, Gabriele Losi e del portiere Gabriele Mantovani, più volte provvidenziale.

La seconda classificata del girone A è la squadra di Studi Umanistici, autrice di 9 punti in 4 partite grazie alle reti di Davide Vitaloni, Luca Rigamonti e Claudio Marsili, mentre in terza posizione si è qualificata la caparbia formazione di Scienze del Farmaco con 6 punti, trainata dalle reti di Gabriele Sampietro e dalle parate di Antonio Canale. In quarta posizione finisce la formazione di Giurisprudenza, lucky loser nonostante gli 0 punti, un solo gol segnato (da Francesco Guidobono Cavalchini) e una differenza reti negativa di -13. Ad essere decisivo è stato il ritiro dalla competizione per infortuni della facoltà di Mediazione Linguistica, nonostante abbiano eroicamente ottenuto la qualificazione come quarta in classifica. La formazione, composta da soli 5 studenti e nessun panchinaro, è stata autrice di prestazioni emozionanti grazie a Matteo Mian, Noah “el Matador” Galli, Tobia Lembo, Aris Barchita e Nicolas Polanco. Nella partita giocata contro Scienze del Farmaco, a causa di uno scontro di gioco, sono stati addirittura costretti a giocare in inferiorità numerica.

Nel girone B, in campo dalle 14:20 alle 17:30, si sono affrontate le facoltà di Scienze Motorie, Medicina e Chirurgia, Medicina Veterinaria, Scienze Politiche e Scienze Agrarie. Salgono subito alla ribalta le formazioni di Scienze Motorie e di Medicina e Chirurgia, favorite alla vigilia per la vittoria finale. Con rispettivamente 10 e 9 punti guadagnati sul campo, infatti, entrambe le squadre danno l’impressione di essere superiori a tutte le altre formazioni del girone. Per la formazione di Scienze Motorie hanno particolarmente brillato Samuele “Uzzo” Marzorati e Michele Codianni, capocannoniere del girone. Mentre per la facoltà di Medicina e Chirurgia sono finite sugli scudi le giocate di Francesco Tritto, Simone Gallizzi e Riccardo Zanzi, nonché le parate di Alessandro Andriani, nettamente miglior portiere della competizione. A seguire, come terze e quarte classificate, le facoltà di Medicina Veterinaria con 5 punti e di Scienze Politiche con 4 punti. Per Medicina Veterinaria hanno particolarmente impressionato Stefano Tropea e Matteo Rondi, mentre per Scienze Politiche Michele D’Onchia, Marco Tommasi e il portiere Giuseppe Cicorella (autore di un gol su rigore). Fanalino di coda del girone la facoltà di Scienze Agrarie, con soli 5 giocatori e il dottor Roberto, detto “Roby”, tra i pali: ben 0 punti, due soli gol fatti (segnati da Alessio Basile e Alessandro Gerardo) e una differenza reti negativa di -19.

Nella fase ad eliminazione diretta, iniziata con i quarti di finale alle 17:40, si affrontano quindi le migliori 4 dei gironi di qualificazione. I match si inaugurano con la prevedibile vittoria per 5-0 di Scienze Motorie contro la ripescata Giurisprudenza, con l’ennesima tripletta di Michele Codianni. Studi Umanistici e Medicina Veterinaria, invece, giocano una partita estremamente equilibrata e arrivano al fischio finale sul punteggio di 0-0, arrivando alla lotteria dei rigori. A passare il turno è Studi Umanistici, grazie a Samuele Siletta che para la prima conclusione dal dischetto. Medicina e Chirurgia, invece, vince senza troppi problemi contro Scienze del Farmaco grazie ad una doppietta di Simone Gallizzi mentre Scienze e Tecnologie batte di misura Scienze Politiche per 1-0, con l’ennesimo gol di Federico Brambilla.

La prima semifinale, giocata tra Scienze Motorie e Studi Umanistici, ha visto un’ottima prestazione della formazione di quest’ultimi, sorprendentemente in vantaggio nel primo tempo con un gol di Davide Vitaloni. Studi Umanistici gioca molto bene e merita, ma il forcing di Scienze Motorie ha effetto e una doppietta del solito Michele Codianni fissa il punteggio sul 2-1 a pochi minuti dalla fine. Soffre, invece, Scienze e Tecnologie nella seconda semifinale contro una forte Medicina e Chirurgia, ma passa nonostante i miracoli di Alessandro Andriani. Il match termina 2-1, con la rete di Gabriele Losi in apertura, il pareggio momentaneo di Francesco Tritto e la rete della vittoria firmata da Marco Fornaciari.

La finale, giocata tra due squadre stanche ma meritevoli, finisce con un netto 4-1 a favore di Scienze Motorie. Passa subito in vantaggio Scienze e Tecnologie con un autogol di un incolpevole Christian Costabile dopo pochi secondi, ma il risultato viene immediatamente ribaltato dalle reti di Federico Carletti, Michele Codianni e Samuele “Uzzo” Marzorati nel primo tempo. La seconda frazione si gioca  su ritmi più bassi. Entrambe le squadre sono stremate dopo sette partite in poche ore, ma ciò non impedisce a Michele Codianni di chiudere la pratica e di trascinare, ancora una volta, la sua squadra alla vittoria.

Dopo un’intensa giornata di calcio, di spettacolo, di grinta e di divertimento, l’evento si conclude con la premiazione della squadra di Scienze Motorie, coronata campione della competizione. Il trofeo di MVP spetta di diritto a Michele Codianni, autentico trascinatore di una squadra molto forte e che ha meritato di vincere il torneo, mentre il premio miglior portiere è andato ad Alessandro Andriani di Medicina e Chirurgia, nonostante l’eliminazione in semifinale della sua squadra, campione in carica dopo il trionfo nella CDF Winter Cup del 2021.

Alessio Bochicchio

I commenti sono chiusi