Una campionessa in Statale: intervista a Linda Guizzetti – Unimisport.it

Intervista - Intervista a Linda Guizzetti, campionessa italiana 100 metri a ostacoli e studentessa di Giurisprudenza all'Università degli Studi di Milano.

Abbiamo intervistato Linda Guizzetti, studentessa dell''Università degli Studi di Milano e atleta del CUS Milano Pro Patria, in merito alla stagione atletica ricca di risultati e sulla sua vita da studentessa-atleta.

Ciao, Linda. Conosciamoci meglio.

Sono Linda Guizzetti e sono di Brescia, ho 21 anni e studio in Statale Giurisprudenza. Fin da piccola ho sognato di fare il magistrato, andare in tribunale, insomma entrare nell'ambiente giuridico. Ho iniziato a fare atletica a 6 anni e con la corsa i salti è stato amore a prima vista. All'inizio facevo corsa di 60 metri e salto in lungo e solo in quinta elementare ho iniziato a fare ostacoli, tra l'altro la prima gara di ostacoli che ho fatto nella mia vita sono caduta. Nonostante questo mi sono piaciuti è continuato ad allenarmi su quelli.

Quando sei entrata a far parte di CUS Milano Pro Patria?

Dopo un po' di cambi vari di società a Brescia da due anni corro per il CUS Milano. Qui mi trovo benissimo perché ho trovato un clima molto tranquillo ma allo stesso tempo anche stimolante e competitivo perché siamo una squadra forte.

Quest'anno hai vinto i campionati italiani Promesse ad Ancona e i campionati italiani Promesse (under 23) a Grosseto e hai ottenuto un bronzo ai campionati italiani assoluti a Padova, sei soddisfatta dei risultati di quest'anno? C'è qualcosa che vuoi migliorare per la prossima stagione?

È stata una bella stagione quindi posso ritenermi soddisfatta, sia per le medaglie che per le prestazioni perché 13,23, che ho ottenuto a Trieste a un meeting, è un tempo di cui posso ritenermi soddisfatta. Sicuramente c'è ancora tanto da migliorare, tanti elementi tecnici sia per quanto riguarda la rapidità tra gli ostacoli che il passaggio dell'ostacolo. In questa nuova preparazione invernale cercherò di migliorare. È stato un anno particolare, con la quarantena ci sono state molte incertezze e difficoltà, per un mesetto ci siamo allenate in casa o chi poteva in giardino, io cercavo di costruirmi degli ostacoli con le sedie giusto per tenere allenata la tecnica. Nonostante tutto sono contenta dei risultati che ho ottenuto ma sicuramente si può ancora fare di più.

Ogni atleta hai il suo rivale, la tua mi hanno detto che è Luminosa Bogliolo, avere a che fare con un'atleta di alto livello come lei ti spinge a migliorare e puntare sempre più in alto?

Sono molto fortunata ad avere la possibilità di allenarmi con Luminosa in raduno, essendo amiche ci troviamo per allenarci insieme anche ad Alassio o a Saronno. Allenarmi con lei è molto stimolante e mi spinge sempre a migliorarmi e a cercare di arrivare al suo livello. Luminosa oltre che una rivale in gara è anche un'amica fuori dalla pista che sa darmi sempre buonissimi consigli e ci aiutiamo a vicenda.

Come riesci a conciliare impegni sportivi così importanti e studio? La nuova didattica a distanza adottata dall'Università ti ha facilitato nella vita sportiva?

Non è sempre facile conciliare l'università con gli impegni sportivi perché la sessione di esami coincide sempre con la stagione di gare indoor e outdoor, oppure non riesco a seguire determinati corsi per via di un raduno. Sicuramente la nuova didattica a distanza mi ha aiutato dato che posso anche non essere fisicamente in università, tuttavia non è lo stesso facile gestirmi con gli orari e organizzare la sessione e le gare in modo tale che non si sovrappongano e che non siano concentrate entrambe le cose, quindi cerco di fare l'esame lontano da gare importanti o alcune delle gare più importanti per concentrarmi meglio sia sull'esame che sulla gara.

Linda ha lanciato un invito a tutti gli studenti della Statale a vivere lo sport in ateneo:

«Consiglio a tutti di fare sport perché aiuta a organizzare il proprio tempo dovendo conciliare attività fisica e studio. Inoltre dopo ore passate sui libri è fondamentale svagarsi all'aria aperta o praticare attività sportiva per liberare la mente e riuscire a studiare meglio.»

Nel frattempo, tutta la redazione di Unimisport.it si complimenta con Linda per gli importanti successi ottenuti in questa stagione, noi saremo sempre i tuoi primi tifosi, continua a farci sognare!

Nessun commento ancora

Lascia un commento