Una Statale cinica vince la complicata sfida contro No Name

CALCIO - Terzo successo di fila per il calcio femminile in Zona Goal dopo Bocconi e Pizzicotte

Si chiude 5-2 per la Statale la difficile sfida del Girone Gold del campionato di Zona Goal contro la compagine del No Name. Le verdi stataline hanno la meglio al termine di una sfida agonisticamente impegnativa e piuttosto combattuta.

Nel primo tempo le due squadre si studiano e nessuna si scopre. Particolarmente chiuse le avversarie in divisa blu, che aspettano Poles e compagne tentando poi di ripartire. L'ottima gestione del palleggio delle stataline dà i suoi frutti con tre rapide azioni offensive: prima capitan Poles, poi due volte Dubini portano in vantaggio le casacche verdi. La squadra ospite reagisce in maniera decisa già nel finale di tempo e trova con Airaghi e Marika i gol che riaprono la sfida. È il numero uno della Statale Ginolfi a mantenere il vantaggio dei suoi con almeno un paio di interventi decisivi che fissano il punteggio  sul 3-2 all'intervallo.

Nel secondo tempo Poles e compagne si riorganizzano e trovano le misure al gioco attendista e fisico della squadra ospite. Bassi e ancora Dubini soffocano con le loro reti le speranze di rimonta del No Name. L'arbitro è poi costretto a chiudere il match sul 5-2 finale con qualche secondo d'anticipo complice il brutto infortunio alla spalla per il portiere ospite, subito soccorso tra gli altri anche dal capitano statalino Poles.

Ampiamente soddisfatta della prestazione l'Mvp di giornata Ludovica Poles: "Eravamo inizialmente in difficoltà perché loro ci aspettavano dietro e a volte abbiamo fatto fatica a salire in maniera organizzata. Siamo però state brave e ciniche a colpire nei momenti giusti". Più che positivo il risultato finale: "Il risultato parla da sé. Abbiamo ben gestito il secondo tempo e limitato il loro tentativo di rimonta". Un pensiero anche per la sfortunata avversaria: "Purtroppo ha subito un brutto colpo cadendo sulla spalla destra. Ci dispiace davvero tanto..speriamo possa recuperare al più presto".

Andrea Pugno

 

Nessun commento ancora

Lascia un commento